lavoro

Mentre si presentano più di cinquemila persone per un solo posto da infermiere, “ricchi” è la parola vietata in campagna elettorale. Gavroche: storie di oppressione e ribellione. Rubrica a cura di Giorgio Cremaschi  

Prima puntata 2018 di Gavroche: storie di oppressione e ribellione. Rubrica a cura di Giorgio Cremaschi

La lotta dei ricercatori del CNR e dei medici si unisce a quella di migranti e sfruttati in questa data simbolo: 12 dicembre. Con la strage di piazza Fontana del 12 dicembre 1969 prende l’avvio quella che fu definita la strategia della tensione. Gavroche: storie di oppressione e ribellione. Rubrica a cura di Giorgio Cremaschi

Dalle lotte nelle grandi fabbriche alla manifestazione dei migranti del prossimo 16 dicembre, i diritti che vanno riconquistati e l’anniversario della vittoria al referendum del 4 dicembre 2016. Tutto questo nella puntata di oggi di Gavroche: storie di oppressione e ribellione, rubrica a cura di Giorgio Cremaschi.

Il Tribunale di Roma ordina il reintegro di 153 lavoratori Almaviva Roma licenziati e l’azienda li trasferisce a Catania. Inizia dai trasferimenti, nuovo fronte di ricatto, l’analisi di quanto sta accadendo. Non solo lavoro, ma anche la dignità dei profughi del cosiddetto centro di accoglienza di Conetta e la lotta delle donne che saranno in […]

Sabato scorso, 11 novembre, la grande manifestazione nazionale indetta da Eurostop: Portiamo in piazza la verità. La manifestazione è stata completamente ignorata dall’informazione ufficiale, ma chiaramente recepita da precari, disoccupati, lavoratori e pensionati in lotta per i propri diritti. Gavroche: storie di oppressione e ribellione, rubrica a cura di Giorgio Cremaschi

Nonostante il silenzio mediatico, oggi in tutta Italia è sciopero generale. Proclamato da Usb, Cobas, Unicobas e da altre sigle coinvolge tutto il mondo del lavoro, pubblico e privato. Le voci dei lavoratori dalle varie città

Domani,10 novembre, sarà sciopero generale nazionale di tutte le categorie pubbliche e private. Emiddia Papi spiega le ragioni dello sciopero, tante le città che vedranno presidi e cortei dal nord al sud del Paese.  E poi l’adesione alla  manifestazione nazionale a Roma di sabato 11 novembre.