LA COSCIENZA DI UNO SPEAKER del 31-01-2020

La coscienza di uno speaker
Capitolo 17: L’entusiasmo è la cocaina dei poveri
con Alessandro Anello

entusiasmo
1. Presso i Greci, la condizione di chi era invaso da una forza o furore divino (ἔνϑεος), cioè della pitonessa, dell’indovino, del sacerdote, nonché del poeta, che si pensava ispirato da un dio. 2. Nell’uso com., sentimento intenso di gioia, di ammirazione, di desiderio per qualche cosa o per qualcuno, oppure totale dedizione a una causa, a un ideale, ecc.
cocaina
È dotato di forte azione stupefacente (senso di euforia, di benessere fisico, ecc.) manifestantesi già dopo la somministrazione di piccole dosi, che i tossicomani, per un fenomeno di tolleranza, sono portati ad aumentare

A differenza di quanto possa sembrare, questa sera non abbiamo parlato di cocaina e droghe ma di una tra le sostanze più pericolose a disposizione dell’essere umano: l’entusiasmo.
L’entusiasmo, come tutte le sostanze che alterano la nostra percezione, termina inevitabilmente in un effetto down. Perchè è importante controllarlo, esattamente come l’assunzione di una droga.
La commozione di massa, il pensiero di essere originali, la voglia di successo e molto altro. Storie note e meno note in cui l’entusiasmo, nelle sue molteplici forme, ha preso il controllo dei nostri pensieri e azioni.
No alla droga, si alla vita. Ma non sempre è la scelta giusta.

Wire – Oklahoma
Holy Fuck, Angus Andrew – Deleters
Calibro 35 – Fail It Till You Make It
POLIÇA – Driving
Alice Robber – Me
Goldfrapp – Ooh La La
Mariposa – Parapagál Polka
Okay Kaya – Asexual Wellbeing
A Tribe Called Quest – Jazz (We’ve Got)
J Dilla – Workinonit
Bluvertigo – Cieli Neri
Four Tet – Baby
Squarepusher – Nervelevers

 

 

 




CHIUDI
CHIUDI