La stupenda “Stranizza d’amuri” di Franco Battiato: auguri maestro!

E quannu t’ancontru ‘nda strata
Mi veni ‘na scossa ‘ndo cori
Ccu tuttu ca fora si mori
Na mori stranizza d’amuri
L’amuri

 

Auguri al grande unico inimitabile eclettico maestro Franco Battiato, che il 23 marzo compie 74 anni, uno dei pochi artisti italiani che stimo e amo profondamente.

Il mio omaggio per lui consiste nel proporvi l’ascolto di questa sua splendida canzone in dialetto siciliano, Stranizza d’amuri, tratta dall’album del 1979 “L’era del cinghiale bianco” (testo di Franco Battiato, musica di Franco Battiato e Giusto Pio, batteria: Tullio De Piscopo)

Sicilia, 1943. Un'anziana donna tra le rovine del suo paese. Sicily, 1943. And old woman walking in the ruins of her village.

Sicilia, 1943. Un’anziana donna tra le rovine del suo paese.

Dal sito antiwarsongs.com:

Un sottotitolo possibile sarebbe “l’amore al tempo della guerra”, parafrasando il titolo di un celebre romanzo di Gabriel García Márquez.

Franco Battiato ha scritto soltanto tre canzoni in siciliano: Veni l’autunnuIl cammino interminabile (parzialmente in siciliano) e questa Stranizza d’amuri che rappresenta senz’altro una delle sue cose migliori, sebbene sia una canzone rimasta a lungo nell’ombra. Forse la sua migliore canzone in assoluto. Un ricordo di un dopoguerra e degli anni dell’infanzia, forse le voci di una guerra appena passata (Battiato è nato nel 1945), e poche e semplicissime parole che sanno esprimere tutto: Omnia vincit amor.

Stranizza d'amuri. Dal blog Universi paralleli.
TESTO IN SICILIANO
‘Ndo vadduni da Scammacca
i carritteri ogni tantu
lassaunu i loru bisogni
e i muscuni ci abbulaunu supra
jeumu a caccia di lucettuli …
a litturina da Ciccum-Etnea,
i saggi ginnici, ‘u Nabuccu,
a scola sta finennu.
Man manu ca passunu i jonna
sta frevi mi trasi ‘nda ll’ossa
ccu tuttu ca fora c’è a guerra
mi sentu stranizza d’amuri
l’amuriE quannu t’ancontru ‘nda strata
mi veni ‘na scossa ‘ndo cori
ccu tuttu ca fora si mori
na mori stranizza d’amuri
l’amuri

E quannu t’ancontru ‘nda strata
mi veni ‘na scossa ‘ndo cori
ccu tuttu ca fora si mori
na mori stranizza d’amuri
l’amuri

Man manu ca passunu i jonna
sta frevi mi trasi ‘nda ll’ossa
ccu tuttu ca fora c’è a guerra
mi sentu stranizza d’amuri
l’amuri.

Traduzione italiana.
STRANEZZA D’AMORE

Nel vallone di Scammacca 
i carrettieri ogni tanto
lasciavano i loro bisogni
e i mosconi ci volavano sopra
andavamo a caccia di lucertole
il vagone della Circumetnea
i saggi ginnici, il Nabucco
la scuola sta finendo.
Man mano che passano i giorni
questa febbre mi entra nelle ossa
Anche se fuori c’è la guerra
mi sento una stranezza d’amore
l’amoreE quando ti incontro per strada
mi viene una scossa nel cuore
e anche se fuori si muore
non muore questa stranezza d’amore
d’amore

E quando ti incontro per strada
mi viene una scossa nel cuore
e anche se fuori si muore
non muore questa stranezza d’amore
l’amore

Man mano che passano i giorni
questa febbre mi entra nelle ossa
Anche se fuori c’è la guerra
mi sento una stranezza d’amore
l’amore

NOTA
il Vallone della Scammacca è “un tratto di vallone nel quale [Battiato] soleva giocare in gioventù nel suo paese natale, Riposto” (allora denominato “Jonia” per l’accorpamento tra i comuni di Riposto e Giarre, accorpamento che ebbe a cessare proprio nel 1945, l’anno di nascita di Battiato – ndr).