Scalfari, Calabresi e la Storia scritta sui fazzoletti di carta - Contropiano