Oggi compie 68 anni Ace Frehley, all’anagrafe Paul Daniel Frehley, nato nel Bronx il 27 aprile 1951, e famoso per la sua militanza, sin dagli esordi, nel gruppo rock americano dei Kiss, oltre che per i suoi album solisti e con i Frehley’s Comet.

Con i Kiss, in particolare, era solito usare un trucco con cerone bianco, rossetto nero e stelle argentate attorno agli occhi, trucco utilizzato fino al periodo “smascherato” per poi riprenderlo poco più tardi, adatto al suo personaggio di “uomo dello spazio” (“The Spaceman“). Il soprannome “Ace” (“asso”) è un riferimento (come da lui stesso sempre affermato) alla sua abilità con le donne. 

Ace è particolarmente apprezzato per il suo stile e per gli show pirotecnici che hanno influenzato generazioni di chitarristi. Sulla sua Gibson Les Paul, infatti, aveva aggiunto alcuni effetti speciali costituiti da un fumogeno al posto del pick-up e dei razzi posti nella paletta della chitarra, collegandoli ai componenti elettrici dei volumi e dei toni.

A 13 anni, i genitori gli donarono una chitarra, cercando di toglierlo dalla strada. Ace fu influenzato da chitarristi come Eric ClaptonPete TownshendJeff Beck e Jimmy Page. Verso la fine del 1972 lesse un annuncio su un giornale riguardante un gruppo che cercava un chitarrista solista ed Ace si presentò all’audizione. Paul Stanley, leader insieme a Gene Simmons di questo gruppo, accettò Frehley non solo per la sua bravura, ma anche per la sua stravaganza (la leggenda narra che si presentò con una scarpa arancione ed una rossa). Nacque così una band che entrerà a far parte della storia della musica, i Kiss. La formazione, ora completa, comprendeva Paul Stanley alla voce e chitarra, Gene Simmons alla voce e basso, Peter Criss alla batteria e Ace Frehley alla chitarra solista; con questa formazione venne realizzato il primo album omonimo “Kiss” (1974). Il resto è leggenda…