Ichino, il dittatore che odia gli scioperi - Contropiano